• Come riparare/sostituire un gancio degli scarponi

    Vi Ŕ mai capitato di rovinare un gancio degli scarponi da sci?
    A me capita abbastanza sovente; ho il brutto vizio di slacciarli completamente quando mi fermo a mangiare, e scendendo le scale a volte un gancio del gambetto, aperto, picchia contro il bordo di uno scalino e si piega malamente.

    Nel caso in cui un gancio richieda una riparazione (come nel mio caso), o la sostituzione, ecco come potete fare in proprio, a casa vostra, con un minimo di attrezzatura e manualitÓ.

    Come potete vedere, il 3░ gancio del mio scarpone sinistro Ŕ malamente piegato proprio a causa di quanto descritto sopra (e come noterete in seguito, non era la prima volta che mi capitava).



    Ma non Ŕ il caso di perdersi d'animo per cosý poco: anche da soli si pu˛ rimediare.

    Per effettuare la riparazione occorre, ovviamente, rimuovere il gambetto dallo scarpone: cominciamo quindi col segnare su scafo ed eccentrici del canting la posizione di riferimento per il rimontaggio; per lo scopo ho utilizzato un pennarello di vernice rossa.





    A questo punto si pu˛ procedere allo smontaggio: leviamo la scarpetta



    e cominciamo a smontare le boccole di regolazione del flex del gambetto




    per poi passare agli eccentrici di regolazione del canting.




    A questo punto Ŕ possibile staccare il gambetto dallo scafo.



    Come potete vedere, avevo giÓ fatto in passato un danno simile, ed avevo nuovamente rivettato il gancio allo scafo dopo la riparazione.



    Questa volta, per fare un lavoro pi¨ "pulito", mi servir˛ di due "ragnetti" M4 e corrispondenti viti M4 a testa svasata da 8mm di lunghezza.



    Per rimuovere i rivetti il metodo pi¨ pulito che io conosca Ŕ quello di "mangiarli" dall'interno, per cui ho iniziato a forarli con una punta da 2.5mm, incrementando di volta in volta il foro di 0.5mm, finchŔ con la punta da 4mm la testa del rivetto ha ceduto.
    Per la bisogna ho usato un trapano a colonna, ma con un po' di cautela si pu˛ benissimo fare il lavoro con un trapanino a mano od una fresetta tipo Dremel.




    Eseguita la medesima operazione anche sul secondo rivetto, ho potuto staccare il gancio da riparare; a questo punto ne ho ripristinato la piega con l'ausilio di una morsa e di una pinza.



    Ed ecco che il gancio ha ripreso la sua forma naturale.




    Per montare i ragnetti, nel mio caso, Ŕ stato necessario allargare i fori che erano sede dei rivetti, per cui ho misurato il diametro esterno delle boccole dei ragnetti



    ed ho riforato (allargando le sedi) il gambetto



    Una leggera passata con la fresetta per uniformare e sbavare il foro (non Ŕ strettamente necessario, ma ho una cura piuttosto maniacale per i dettagli ed i lavori fatti bene)



    e possiamo posizionare i nostri ragnetti all'interno del gambetto,



    passando poi a fissare il gancio con le viti (da serrare un po' alla volta, alternativamente).



    Ed ecco che il gancio ha ripreso la sua forma e posizione originaria.





    Non resta che rimontare lo scarpone, partendo dalle viti di regolazione del flex, prestando la dovuta attenzione ad allineare i riferimenti colorati presi prima dello smontaggio.




    Et voilÓ: lo scarpone Ŕ tornato (quasi) come nuovo!

    Commenti 11 Commenti
    1. L'avatar di erni1967
      erni1967 -
      Ottimo esempio di faidate.
    1. L'avatar di tonio
      tonio -
      complimenti!!
    1. L'avatar di botto
      botto -
      Accidenti Luca, che tutorial!!
    1. L'avatar di drey
      drey -
      Grande Luca, semplicemente spettacolare!!!

      Una domanda, dove o come hai reperito i ragnetti? Ferramenta, o altro?
    1. L'avatar di Skywalker67
      Skywalker67 -
      Citazione Originariamente Scritto da drey Visualizza Messaggio
      Una domanda, dove o come hai reperito i ragnetti? Ferramenta, o altro?
      Questi me li aveva dati Macori di Aosta, quando ci siamo andati per la prima volta insieme ad Erni, perchŔ nelle normali ferramenta li avevo trovati M4, ma con la flangia troppo grande e gli aculei troppo profondi, e per le plastiche (tutto sommato abbastanza sottili) dei miei scarponi non andavano bene.
      Le viti invece si trovano dovunque, anche nei Brico Center.

      Nella prossima gita a Mortara chieder˛ al Gianni dove si approvvigiona.

      Per inciso, il lavoro Ŕ stata roba di 45', incluso il tempo per scattare le fotografie durante le lavorazioni, mentre per scrivere l'articolo mi ci sono volute due ore ...
    1. L'avatar di MIRCO84
      MIRCO84 -
      Bravo Luca.Ottimo lavoro,precisione e attrezzatura da buon meccanico...
    1. L'avatar di Skywalker67
      Skywalker67 -
      Allora, ho fatto qualche misurazione sui ragnetti che mi aveva dato Macori; partiamo da questo schema:

      Allegato 2820

      I ragnetti usati per i miei scarponi hanno le seguenti dimensioni:
      - d1 = M4
      - d2 = 5.2mm
      - d3 = 13mm
      - h2 = 5mm

      Poi, cercando in internet, ho trovato questi: http://www.novarametalli.it/index.html?lmd=40888.759560, che sono abbastanza simili.
      - d1 = M4
      - d2 = 5.2mm
      - d3 = 15mm
      - h2 = 6mm
    1. L'avatar di erni1967
      erni1967 -
      Io ne ho recuperati una serie dai vecchi scafi degli rl1.
    1. L'avatar di eletto
      eletto -
      bravissimo, ottima guida!
    1. L'avatar di erni1967
      erni1967 -
      D'altra parte da uno che si Ŕ zigrinato il frontstrap a 30 lineee per pollice,questi sono "lavoretti"
    1. L'avatar di Umbri
      Umbri -
      mi pare un ottima serie di consigli per chi ama il fai da te e non si vuole rivolgere ad un negozio, vuoi per soddisfazione personale nello svolgere il lavoro vuoi per questione di tempo (credo che un professionista del settore faccia queste operazioni in poco tempo e senza problema alcuno ma non sempr eil negozio Ŕ dietro casa!)