• TOP CHEF SUGLI SCI

    Dei top chef ormai sappiamo tutto, al pari delle star del cinema. Ma non se sciano, e come sciano… Difatti sono talmente impegnati in comparsate, conferenze ed eventi (e qualche volta persino in cucina nel loro ristorante, scusate l’ironia) che riesce difficile pensarli in vacanza sulla neve. Poteva allora essere solo l’Alta Badia, naturale hub degli ski foodies – scusate l’inglese, ma quando ci vuole ci vuole – a mettere gli sci ai piedi alla categoria attualmente più in auge. Dopo il riuscitissimo progetto Sciare con gusto che racchiude tutte le iniziative fra sci e gastronomia all’ombra del Sassongher e del Sasso della Croce (come a inizio stagione Gourmet Ski Safari / Slope Food - sci itinerante per rifugi che propongono una ricetta di uno chef famoso), ecco l’Audi Chef’s Cup Südtirol 2014. Per l’occasione l ’Alta Badia ha accolto a fine gennaio 80 chef a livello nazionale e internazionale, di cui 64 italiani e 16 dal resto del mondo, molti dei quali stellati Michelin (per un totale di 54 stelle). Qui sul tratto finale della Gran Risa si sono dati battaglia fra i paletti esclusivamente chef professionisti, per l’Acqua Panna/S.Pellegrino Chefs Ski Cup. I primi 3?
    Guarda caso due austriaci, i fratelli Obauer (Rudi 20’’.76. Karl 21’’.28) dell’omonimo ristorante di Werfen in Tirolo (2 stelle Michelin), poi sul podio a poco più di un secondo forse lo chef altoatesino più titolato e primo protagonista del gourmet style Alta Badia: Norbert Niederkofler del ristorante St. Hubertus a San Cassiano.



    Da notare la grinta di Norbert (non vale: giocava in casa, direte voi…), che ha tenuto testa ai due fratelli terribili, che da par loro evidentemente devono avere trascorsi agonistici quasi professionali, se è vero che l’apripista, Giorgio Rocca, ha fatto 20”. 88 e Daniela Ceccarelli 22”.74…
    Scorrendo la classifica si scopre poi che Andrea Berton, ex Trussardi alla Scala e ora a capo di innovativi format di ristoranti a Milano, se la cava benino, con solo 3”.29 di distacco. Mentre il bravissimo Luciano Zazzeri, de la Pineta di Marina di Bibbona, tradisce la sua mediterraneità beccandosi oltre 9 secondi…



    La stagione sciistica all’insegna della buona cucina, iniziata con il Gourmet Skisafari, terminerà in Alta Badia con altri due eventi di eccellenza: il primo è la Roda dles Saûs (dal ladino Giro dei sapori), un safari sugli sci alla scoperta dei piatti tradizionali della cucina ladina, in programma per il 16 marzo. Domenica 30 marzo sarà la volta dei migliori vini altoatesinida degustare sci ai piedi a a 2000 metri in occasione del quarto Dé dl Vin – Wine Skisafari.
    Di più su www.altabadia.org.

    ph: Freddy Planinschek

    Andrea Berton – Ristorante Berton, Milano; Giorgio Rocca apripista.



    Commenti 3 Commenti
    1. L'avatar di erni1967
      erni1967 -
      Anche un duro e puro come me, cede di fronte al buon cibo
    1. L'avatar di Umbri
      Umbri -
      eh eh eh pensavo si parlasse di cibo e invece trovo una gara di sci
    1. L'avatar di botto
      botto -
      Senza Cracco, Bastianich e Barbieri ... che gara è?

      Voglio sperare che Rocca sia sceso coi freni tirati o avesse appena spazzolato via le prelibatezze degli chef