Pagina 5 di 12 PrimaPrima ... 34567 ... UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 116

Discussione: "della propedeuticità di uno Sl..."

  1. #41
    Utente normale

    Livello:
    L'avatar di Simone
    Data Registrazione
    31/08/11
    Località
    Selva di Zandobbio
    Messaggi
    5.226
    Citazione Originariamente Scritto da FODOMA Visualizza Messaggio
    Ti rispondo con un fattore sul quale da anni insisto, "sgolandomi" virtualmente ,che è fondamentale nella scelta di uno sci, fondamentale nella valutazione di uno sci, fondamentale nell'analisi tecnica della sciata, e che tutti invece tralalsciano, focalizzandosi come un disco rotto su altezzapesolivellotecnico:

    l'abitudine !

    Lo sci da cui si proviene, al quale si è abituati, è fondamentale !

    Se un ragazzo in evoluzione tecnica ( lasciamo stare i metalli ) sale su uno SL è ovvio che se ne innamori.

    E se questo ragazzo non prova cose diverse, con quello SL li, i cog***ni, non se li romperà MAI

    Se invece questo ragazzo ha l'occasione di provare uno sci più lungo e meno sciancrato, con questo sci prende lezioni, impara a sfruttarlo, a deformarlo, impara a variare il raggio di curva con quello sci, eseguendo i movimenti corretti....
    .....è molto probabile che lo SL diventi un giocattolo fantastico, divertentissimo, ma che dopo qualche ora va "un po' stretto".
    Perfetto. Grazie.

  2. #42
    Super Moderatore

    Livello:
    L'avatar di erni1967
    Data Registrazione
    30/08/11
    Messaggi
    6.716
    Citazione Originariamente Scritto da skisquass Visualizza Messaggio
    E Cavolo, se uno SL è ben realizzato, non dovrebbe essere proibitivo allargare anche il raggio di curva per variare un pò. O no?! Cos'è che mi sfugge?
    La differenza la fa la sciancratura,e cioè se con uno sci poco sciancrato potrò,adottando la tecnica adatta,chiudere di più le curve,eseguire dei corto raggio,magari un pò tirati,con uno sci da 13m per quanto cerchi,aumentando la velocità,dovrai inclinarti di più,e in questo modo la spatolona ti chiuderà la curva,volente o nolente.
    Te lo dico perchè per molti anni ho sciato tanto con l'SL,quando spratutto guidavo i ciechi e al pomeriggio,finito la guida,sciavo con quello che avevo ai piedi.
    Mi viene in mente una scena, un bancone, due conoscenti, uno che appoggia una mano sulla spalla all'altro, e nel mentre gli offre uno jagermeister.... Non so perché

  3. #43


    Livello:
    L'avatar di eugenio
    Data Registrazione
    18/09/11
    Località
    Trento - Bellamonte
    Messaggi
    490
    ogni sci ha il suo perchè... lo SL ne ha probabilmente anche qualcuno in più degli altri, ma il discorso deve essere valutato diversamente fra coloro che devono scegliere se possedere uno SL o qualcos'altro oppure se si possono permettere questo e quello...
    Allora ha senso parlare di propedeuticità.
    Scio su uno SL quando cerco determinate sensazioni e utilizzo un altro sci normalmente.
    Quelle determinate sensazioni però sono molto importanti e altrettanto significative, perchè un SL da una parte mi garantisce che chiuderò una curva anche solo muovendo l'orecchio interno, però mi costringe a starci sopra con precisione maniacale se non voglio subire una serie di effetticollaterali e alla lunga massacrarmi le gambe.
    E' necessario sfatare la leggenda che non si possono condurre curve di ampio raggio, perchè non è vero, anzi è proprio la ricerca di una curva tirata a dovere che rende questo attrezzo "propedeutico"...
    se non dovessi andare a prendere mia figlia a scuola vi direi anche subito il perchè

  4. #44
    Utente normale

    Livello:
    L'avatar di Simone
    Data Registrazione
    31/08/11
    Località
    Selva di Zandobbio
    Messaggi
    5.226
    Citazione Originariamente Scritto da erni1967 Visualizza Messaggio
    La differenza la fa la sciancratura,e cioè se con uno sci poco sciancrato potrò,adottando la tecnica adatta,chiudere di più le curve,eseguire dei corto raggio,magari un pò tirati,con uno sci da 13m per quanto cerchi,aumentando la velocità,dovrai inclinarti di più,e in questo modo la spatolona ti chiuderà la curva,volente o nolente.
    Te lo dico perchè per molti anni ho sciato tanto con l'SL,quando spratutto guidavo i ciechi e al pomeriggio,finito la guida,sciavo con quello che avevo ai piedi.
    Insomma, pare di capire che vale la pena usarlo come "implementazione" temporanea ad un GS, che rimane, in ogni caso, "lo sci".

  5. #45
    Utente normale

    Livello:
    L'avatar di Simone
    Data Registrazione
    31/08/11
    Località
    Selva di Zandobbio
    Messaggi
    5.226
    Citazione Originariamente Scritto da eugenio Visualizza Messaggio
    ogni sci ha il suo perchè... lo SL ne ha probabilmente anche qualcuno in più degli altri, ma il discorso deve essere valutato diversamente fra coloro che devono scegliere se possedere uno SL o qualcos'altro oppure se si possono permettere questo e quello...
    Allora ha senso parlare di propedeuticità.
    Scio su uno SL quando cerco determinate sensazioni e utilizzo un altro sci normalmente.
    Quelle determinate sensazioni però sono molto importanti e altrettanto significative, perchè un SL da una parte mi garantisce che chiuderò una curva anche solo muovendo l'orecchio interno, però mi costringe a starci sopra con precisione maniacale se non voglio subire una serie di effetticollaterali e alla lunga massacrarmi le gambe.
    E' necessario sfatare la leggenda che non si possono condurre curve di ampio raggio, perchè non è vero, anzi è proprio la ricerca di una curva tirata a dovere che rende questo attrezzo "propedeutico"...
    se non dovessi andare a prendere mia figlia a scuola vi direi anche subito il perchè
    Siccome devo andare anche io a prendere mia figlia a scuola, aspetto l'approfondimento per oggi pomeriggio!

  6. #46
    Ti parlo per la mia piccola esperienza in fatto di SL recenti... Ho potuto provare per un paio di discese un Head iSL 165 negozio pre-kers, e posseggo un Rossignol SL Fis sempre 165, del 2009.
    L'Head è uno sci abbastanza versatile, nel senso che si presta sia ad una sciata propriamente da slalom (risultando però un po' impegnativo fisicamente il quanto è molto rigido anche longitudinalmente oltre che torsionalmente) che ad una sciata a medio ed ampio raggio di curva, nella quale è stabilissimo e morde la neve, gran tenuta sul duro. Nell'arco di un'intera giornata sulle piste va veramente bene.
    Il Rossignol invece, caratterizzato da gran rigidità torsionale ma un pelo più morbido in flessione, è formidabile nell'uso per cui è concepito e cioè la curva SL: aggancia subito la traiettoria voluta, tenuta ai massimi livelli, chiude bene le curve, è reattivissimo. Però, quando si prova ad allargare la traiettoria e a portarlo come fosse un RC o un GS, beh... qualche limite viene fuori, sarà la geometria fis, il centro particolarmente stretto, sta di fatto che non dà la stessa sicurezza e stabilità dell'Head. Intendiamoci, si arriva sani e salvi a fine giornata ma con meno soddisfazione rispetto all'Head. Tra l'altro l'attacco "gara" di Rossignol pesa un sacco e contribuisce a segarti le gambe...
    In sintesi: Head---> ci scii tutto il giorno a medio (anche ampio) raggio, ogni tanto ci fai qualche curvetta SL...
    Rossignol---> è fatto per farci 2 ore da leoni a mo' di Jean Baptiste Grange, dopodichè le tue gambe sono belle che finite! Poi vai in rifugio, ti godi la tua polenta/pizzoccheri/stinco con vino rosso, poi se ne hai ancora vai alla macchina, tiri giù un paio di assi meno impegnative, e concludi la giornata!

  7. #47
    Utente normale

    Livello:
    L'avatar di Simone
    Data Registrazione
    31/08/11
    Località
    Selva di Zandobbio
    Messaggi
    5.226
    Citazione Originariamente Scritto da snowprot Visualizza Messaggio
    Ti parlo per la mia piccola esperienza in fatto di SL recenti... Ho potuto provare per un paio di discese un Head iSL 165 negozio pre-kers, e posseggo un Rossignol SL Fis sempre 165, del 2009.
    L'Head è uno sci abbastanza versatile, nel senso che si presta sia ad una sciata propriamente da slalom (risultando però un po' impegnativo fisicamente il quanto è molto rigido anche longitudinalmente oltre che torsionalmente) che ad una sciata a medio ed ampio raggio di curva, nella quale è stabilissimo e morde la neve, gran tenuta sul duro. Nell'arco di un'intera giornata sulle piste va veramente bene.
    Il Rossignol invece, caratterizzato da gran rigidità torsionale ma un pelo più morbido in flessione, è formidabile nell'uso per cui è concepito e cioè la curva SL: aggancia subito la traiettoria voluta, tenuta ai massimi livelli, chiude bene le curve, è reattivissimo. Però, quando si prova ad allargare la traiettoria e a portarlo come fosse un RC o un GS, beh... qualche limite viene fuori, sarà la geometria fis, il centro particolarmente stretto, sta di fatto che non dà la stessa sicurezza e stabilità dell'Head. Intendiamoci, si arriva sani e salvi a fine giornata ma con meno soddisfazione rispetto all'Head. Tra l'altro l'attacco "gara" di Rossignol pesa un sacco e contribuisce a segarti le gambe...
    In sintesi: Head---> ci scii tutto il giorno a medio (anche ampio) raggio, ogni tanto ci fai qualche curvetta SL...
    Rossignol---> è fatto per farci 2 ore da leoni a mo' di Jean Baptiste Grange, dopodichè le tue gambe sono belle che finite! Poi vai in rifugio, ti godi la tua polenta/pizzoccheri/stinco con vino rosso, poi se ne hai ancora vai alla macchina, tiri giù un paio di assi meno impegnative, e concludi la giornata!
    Grande snow! Se poi vado alla macchina e tiro giù il GS, va bene comunque no!?
    P.S.: non vedol'ora di fare una bella cialtronata in Italia.... ma con tutto quel bendidddddio da te descritto solo a fine giornata, sennò col cippo che riparto!

  8. #48
    Bravo Simone, la mia risposta era proprio riferita al tuo quesito sulla versatilità o meno di un SL quando si allargano le traiettorie, ho dimenticato di citarti... Ripeto, la mia esperienza in tal senso è limitatissima, solo due modelli provati, pero' credo sia indicativa di come un modello negozio debba fare bene un po' tutto, proprio per l'utenza a cui è destinato, e di come il Fis debba fare... il Fis! Nasce per i pali!

    Attendo anch'io con impazienza che Eugenio completi il suo discorso sulla propedeuticità!

  9. #49


    Livello:
    L'avatar di eugenio
    Data Registrazione
    18/09/11
    Località
    Trento - Bellamonte
    Messaggi
    490
    eccomi...
    il mio discorso potrebbe essere un po' limitato perchè i 165 SL con cui ho sciato negli anni sono da gara (Duel) quindi ho solo esperienza dell'evoluzione di un singolo modello; però, per quello che è il mio modo di vedere, la questione non cambia... stiamo parlando di uno sci con cui c'è un feeling di base e stiamo parlando della sua "propedeuticità", ossia del vantaggio che ne posso avere se lo utilizzo nella sciata in campo libero in alternativa ad un GS o ad un race carve.
    Per prima cosa ritengo che sia un luogo comune partire dal concetto che faccio più fatica a sciarci tutto il giorno... un 165, se portato con la necessaria centralità, ti consente di fare qualsiasi raggio di curva; il suo unico limite è il tratto rettilineo poco pendente... chiaramente lì si fa fatica e si rischia la spigolata.
    L'utilizzo cosiddetto spaccagambe è quello di voler fare a tutti i costi sempre e solo sequenze di curve "da slalom" in costante accelerazione e con segmenti di conduzione assai brevi... la fatica deriva soprattutto dall'esigenza di essere sempre attivi sullo sci e rapidissimi nei cambi, con assetto del busto abbastanza bloccato in una posizione di ricerca della centralità, limitando le escursioni (più o meno ampie) agli arti inferiori.
    Ma se ci lasciamo un po' "portare dallo sci", standoci sopra, ma invertendo senza troppa fretta, apprezzando l'impagabile immediatezza di presa degli spigoli e la matematica certezza di chiudere praticamente qualsiasi curva, allora possiamo permetterci di tirare curvoni lunghi senza che lo sci manifesti comportamenti anomali a causa della sua lunghezza limitata e della sua particolare sciancratura.
    Dove sono i benefici?
    Non tanto la possibilità di fare raggi di curva molto diversi fra loro, quanto piuttosto la propensione a ricercare un assetto centrale mano a mano che ci accorgiamo di quanta maggiore risposta ci dà lo sci se riusciamo a farlo lavorare in maniera uniforme (spatola e coda).
    Questo inevitabilmente ci porta a ottimizzare la posizione sullo sci e ad acquisire automatismi utili con qualsiasi attrezzo.
    A me personalmente ha anche contribuito a trovare una base d'appoggio più efficiente (scio da sempre con i piedi piuttosto uniti).
    Dove sono i contro ?
    Quando si passa ad uno sci meno sciancrato si ha la folle sensazione di poter fare le curve con la stessa facilità e si tende a buttarsi dentro per poi correggere nella seconda parte della traiettoria, ma a volte non c'è niente da correggere, ma semplicemente da tirarsi su e spolverarsi dalla neve....

    dimenticavo... è consigliato utilizzarlo su superfici abbastanza compatte ed uniformi nel medio e ampio raggio

  10. #50
    Super Moderatore

    Livello:
    L'avatar di erni1967
    Data Registrazione
    30/08/11
    Messaggi
    6.716
    Citazione Originariamente Scritto da eugenio Visualizza Messaggio
    eccomi...
    il mio discorso potrebbe essere un po' limitato perchè i 165 SL con cui ho sciato negli anni sono da gara (Duel) quindi ho solo esperienza dell'evoluzione di un singolo modello; però, per quello che è il mio modo di vedere, la questione non cambia... stiamo parlando di uno sci con cui c'è un feeling di base e stiamo parlando della sua "propedeuticità", ossia del vantaggio che ne posso avere se lo utilizzo nella sciata in campo libero in alternativa ad un GS o ad un race carve.
    Per prima cosa ritengo che sia un luogo comune partire dal concetto che faccio più fatica a sciarci tutto il giorno... un 165, se portato con la necessaria centralità, ti consente di fare qualsiasi raggio di curva; il suo unico limite è il tratto rettilineo poco pendente... chiaramente lì si fa fatica e si rischia la spigolata.
    L'utilizzo cosiddetto spaccagambe è quello di voler fare a tutti i costi sempre e solo sequenze di curve "da slalom" in costante accelerazione e con segmenti di conduzione assai brevi... la fatica deriva soprattutto dall'esigenza di essere sempre attivi sullo sci e rapidissimi nei cambi, con assetto del busto abbastanza bloccato in una posizione di ricerca della centralità, limitando le escursioni (più o meno ampie) agli arti inferiori.
    Ma se ci lasciamo un po' "portare dallo sci", standoci sopra, ma invertendo senza troppa fretta, apprezzando l'impagabile immediatezza di presa degli spigoli e la matematica certezza di chiudere praticamente qualsiasi curva, allora possiamo permetterci di tirare curvoni lunghi senza che lo sci manifesti comportamenti anomali a causa della sua lunghezza limitata e della sua particolare sciancratura.
    Dove sono i benefici?
    Non tanto la possibilità di fare raggi di curva molto diversi fra loro, quanto piuttosto la propensione a ricercare un assetto centrale mano a mano che ci accorgiamo di quanta maggiore risposta ci dà lo sci se riusciamo a farlo lavorare in maniera uniforme (spatola e coda).
    Questo inevitabilmente ci porta a ottimizzare la posizione sullo sci e ad acquisire automatismi utili con qualsiasi attrezzo.
    A me personalmente ha anche contribuito a trovare una base d'appoggio più efficiente (scio da sempre con i piedi piuttosto uniti).
    Dove sono i contro ?
    Quando si passa ad uno sci meno sciancrato si ha la folle sensazione di poter fare le curve con la stessa facilità e si tende a buttarsi dentro per poi correggere nella seconda parte della traiettoria, ma a volte non c'è niente da correggere, ma semplicemente da tirarsi su e spolverarsi dalla neve....

    dimenticavo... è consigliato utilizzarlo su superfici abbastanza compatte ed uniformi nel medio e ampio raggio
    Ovviamente non avrei saputo esporre il tutto così,ma lo sostengo da sempre a parole e nei fatti
    Mi viene in mente una scena, un bancone, due conoscenti, uno che appoggia una mano sulla spalla all'altro, e nel mentre gli offre uno jagermeister.... Non so perché

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •