Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Salomon - Atomic S/LAB SHIFT MNC

  1. #1
    Super Moderatore

    Livello:
    L'avatar di Umbytheboss
    Data Registrazione
    27/08/11
    Località
    Forlì
    Messaggi
    4.347

    Salomon - Atomic S/LAB SHIFT MNC

    Era già nell'aria da parecchi mesi e finalmente Salomon/Atomic venerdì 8 dicembre ha presentato il suo nuovissimo e "rivoluzionario" attacco da freeride, skialp, discesa.

    Ho volutamente virgolettato il rivoluzionario poiché a mio avviso è solamente la versione decisamente migliorata ed abbellita di un attacco ideato da una start-up tedesca esattamente un anno fa, i B.A.M. Pinding/Pindung, ne parlammo qui: http://www.ski4people.it/showthread.php?t=3110 , e questo Shift va ad integrare un puntale da discesa nei famosi Marker Kingpin; che a loro volta furono ispirati dai Trab TR2.



    Tuttavia, il Gruppo Amer porta alcune soluzioni innovative, come la piastra di sgancio sotto al puntale che si alza e si abbassa per adattarsi alle differenti suole degli scarponi (quelli che rispettano le norme da discesa e quelli da alpinismo) e per questo si fregia dell'acronimo MNC, Multi Norm Certification.

    Parlando di dati tecnici, S/LAB SHIFT MNC:
    • peso di 1700gr al paio completi (quindi anche di viti)
    • DIN 6-13
    • escursione delle "ali" laterali di sostegno del puntale di 47mm (il STH12 ha 52mm di escursione)
    • certificazione TUV "alpine"


    Costo, circa 600€, disponibile da settembre 2018.
    questo il sito dedicato: http://shift-bindings.salomon.com/en

    Lascio la parola alle foto:

    Nome: product.jpg
Visite: 75
Dimensione: 74,8 KB

    Nome: Salomon  S_LAB SHIFT MNC Binding-2.jpg
Visite: 77
Dimensione: 245,7 KB

    Nome: slab.jpg
Visite: 70
Dimensione: 74,7 KB

    Nome: slab1.jpg
Visite: 82
Dimensione: 267,8 KB

    Nome: slab2.jpg
Visite: 70
Dimensione: 306,5 KB

    Nome: slab3.jpg
Visite: 67
Dimensione: 306,1 KB

    Nome: slab4.jpg
Visite: 70
Dimensione: 280,9 KB

    Nome: slab5.jpg
Visite: 68
Dimensione: 295,7 KB


    Cosa ne pensate?
    The pressure's off. No one's watching. It's just you, your skiis, and the mountain. The weather has broken and the snow is untracked. Adjust your gear, take a deep breath and... like there's no tomorrow.

  2. #2
    Super Moderatore

    Livello:
    L'avatar di Umbytheboss
    Data Registrazione
    27/08/11
    Località
    Forlì
    Messaggi
    4.347
    Qui si vede la versione Atomic e la vite di regolazione della piastra di sgancio MNC

    Nome: ADSS00046_3_SHIFTMNC13_hikerideswitch.jpg
Visite: 69
Dimensione: 114,5 KB
    The pressure's off. No one's watching. It's just you, your skiis, and the mountain. The weather has broken and the snow is untracked. Adjust your gear, take a deep breath and... like there's no tomorrow.

  3. #3
    Super Moderatore

    Livello:
    L'avatar di erni1967
    Data Registrazione
    30/08/11
    Messaggi
    6.667
    Sicuramente interessante, per molti versi migliora sia i TR2 che i KingPin, visto il peso, sicuramente più indicato per scialpfreeride allenati o per dislivelli max di 1000m.
    Mi viene in mente una scena, un bancone, due conoscenti, uno che appoggia una mano sulla spalla all'altro, e nel mentre gli offre uno jagermeister.... Non so perché

  4. #4
    Alcune considerazioni, così in ordine sparso:

    Dato il peso (850 grammi per piede), è difficile che possa andare a fare concorrenza al Dynafit Radical 2 o allo Skitrab TR2 (ossia segmento scialpinistico - 550 grammi circa); direi che si pone piuttosto come alternativa diretta al Marker Kingpin e al Diamir Tecton (segmento freeride - backcountry, che prevede ANCHE ma non necessariamente l'uso di pelli).

    Il suo essere multinorma è una carta vincente, soprattutto perchè permette di destinare un unico sci ad un doppio uso: pelli, ed impianti, con ottima prestazione sia in salita che in discesa.

    Ciò detto, credo che la maggior parte dei freeriders oggi abbiano un unico scarpone con inserti pin (che sono comunque necessari per usare lo Shift se si vuole salire), di conseguenza il vantaggio rispetto ai principali competitors (Kingpin, Tecton) è meno evidente di quello che potrebbe sembrare.

    Credo che, semplicemente il layout del puntale e la modalità di passaggio tra salita e discesa scelti da Salomon siano gli unici che garantiscono la sicurezza di sgancio senza pestare i piedi alle soluzioni (credo coperte da brevetto) caratteristiche di Skitrab, Diamir o dynafit.

    Sicuramente è un'ottima soluzione per chi ha già il doppio scarpone (una scarpa race da discesa, e una scarpa da skialp sui 1500 grammi come ad es. Scarpa Maestrale oppure Salomon MTN). Tuttavia questo Shift non è compatibile con calzature da skialp puro come ad esempio Dynafit TLT 5, 6 e 7, oppure Arcteryx procline. Il che costituisce un altro limite, anche se ovviamente il target di riferimento è un altro.

    Quindi, un prodotto interessante e con una ben precisa collocazione sul mercato ma... Non è il Santo Graal millantato dai vari Pro Salomon.
    Ultima modifica di snowprot; martedì 12 dicembre 2017 alle 18:57

  5. #5
    Super Moderatore

    Livello:
    L'avatar di Umbytheboss
    Data Registrazione
    27/08/11
    Località
    Forlì
    Messaggi
    4.347
    Tuttavia questo Shift non è compatibile con calzature da skialp puro come ad esempio Dynafit TLT 5, 6 e 7, oppure Arcteryx procline.
    Ah si? perchè?
    The pressure's off. No one's watching. It's just you, your skiis, and the mountain. The weather has broken and the snow is untracked. Adjust your gear, take a deep breath and... like there's no tomorrow.

  6. #6
    Super Moderatore

    Livello:
    L'avatar di erni1967
    Data Registrazione
    30/08/11
    Messaggi
    6.667
    Citazione Originariamente Scritto da snowprot Visualizza Messaggio
    Quindi, un prodotto interessante e con una ben precisa collocazione sul mercato ma... Non è il Santo Graal millantato dai vari Pro Salomon.
    I miei amici Cody e Stan Rey ci fanno di tutto ����������
    Mi viene in mente una scena, un bancone, due conoscenti, uno che appoggia una mano sulla spalla all'altro, e nel mentre gli offre uno jagermeister.... Non so perché

  7. #7
    Super Moderatore

    Livello:
    L'avatar di erni1967
    Data Registrazione
    30/08/11
    Messaggi
    6.667
    Citazione Originariamente Scritto da Umbytheboss Visualizza Messaggio
    Ah si? perchè?
    Perché le quote suole, sia anteriore che posteriore non sono a norma din wtr, e quindi hanno bisogno di pin sia all’ant che al post
    Mi viene in mente una scena, un bancone, due conoscenti, uno che appoggia una mano sulla spalla all'altro, e nel mentre gli offre uno jagermeister.... Non so perché

  8. #8
    Super Moderatore

    Livello:
    L'avatar di Umbytheboss
    Data Registrazione
    27/08/11
    Località
    Forlì
    Messaggi
    4.347
    Citazione Originariamente Scritto da erni1967 Visualizza Messaggio
    Perché le quote suole, sia anteriore che posteriore non sono a norma din wtr, e quindi hanno bisogno di pin sia all’ant che al post
    grazie per la risposta, nella mia ignoranza credevo che tutti gli scarponi rientrassero in una delle norme din.
    The pressure's off. No one's watching. It's just you, your skiis, and the mountain. The weather has broken and the snow is untracked. Adjust your gear, take a deep breath and... like there's no tomorrow.

  9. #9
    Esatto; le sporgenze su questi scarponi servono solo all'utilizzo dei ramponi automatici, e sono insufficienti per uso con attacchi non tech.
    Addirittura, sul TLT 7 la sporgenza anteriore è sparita, per avvicinare gli inserti all'avampiede e migliorare la rullata e la progressione con ramponi. Il becco mancherà anche sul nuovo scarpone Dynafit "Hoji", che si inserirà nel segmento dei Maestrale, Salomon MTN ecc.

    Venendo ai proazzi Salomon e al NOSTRO amico comune Cody parliamo pur sempre di atleti di vertice, iperallenati, ma soprattutto vincolati a logiche di promozione del marchio!

    Poi diciamocelo, essendoci nutriti a pane e Salomon freeski TV durante tutti gli ultimi 10 anni, se Cody dicesse che le ruote quadrate vanno meglio di quelle rotonde, faremmo a gara per comprarne un treno

    L'eventuale Santo Graal degli attacchi dovrebbe: essere sicuro, pesare mezzo chilo ed essere compatibile anche con scarpe da skialp puro, ma... Sarà molto difficile vedere qualcosa di simile in futuro, sembrerebbe un compromesso impossibile da mettere in pratica.

    Basandosi sulle sole foto le plastiche sembrano robuste, prima impressione ottima ed obiettivamente, è anche un bell'oggetto!
    Una volta sul mercato, sarà da verificare la performance in condizioni difficili (formazione di ghiaccio?), la durata nel tempo e la facilità di utilizzo (passaggio da salita a discesa, utilizzo dell'alzatacco), in generale il feedback di enne-mila utenti.

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •